imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Prendersi cura di ciò che ci stà a cuore »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio
Febbre: impariamo a conoscerla, curarla, prevenirla

Qualche consiglio per prevenire febbre e malattie  »
Quando è davvero febbre?
Come si misura la febbre  »
Quale termometro scegliere »
Se il termometro indica febbre… »
Come abbassare la febbre »
Quando preoccuparsi? »

 
Quando è davvero febbre?

La temperatura fisiologica di un bambino non è diversa da quella di un adulto: mediamente si mantiene sui 36,4°C,  con una certa variabilità individuale, per cui ci sono bambini che presentano valori di 35,9°C e altri che hanno sempre 37°C. Inoltre, la stessa persona può presentare variazioni di temperatura in giornata: bassa al mattino, può aumentare fino a 1 grado e mezzo nel tardo pomeriggio.
Ancora, la temperatura aumenta in seguito a sforzi fisici o pianti prolungati, all’assunzione di pasti o bevande calde, al riscaldamento eccessivo dell’ambiente (per esempio quando ci si trova sotto le coperte): in tutte queste situazioni può esserci un rialzo termico anche di mezzo o un grado, che non ha nulla a che vedere con la febbre. In tal caso l’aumento è del tutto normale e va solo ricontrollato dopo qualche tempo.

Allora, cos’è davvero la febbre? La febbre è un aumento della temperatura corporea superiore ai 37° C, se misurata per via ascellare, o ai 37,5° C se misurata per via rettale. Diventa importante quando supera i 38°C.

La febbre non è una malattia, ma una reazione di difesa dell’organismo. In pratica l’aumento della temperatura viene causato da sostanze che si liberano durante la produzione delle difese naturali, ed è esso stesso uno dei meccanismi attraverso il quale l’organismo del bambino si tutela quando viene aggredito da un virus o da un batterio, che prediligono una temperatura più bassa. Il corpo, con l’innalzamento della temperatura, viene reso un ambiente più svantaggioso per la sopravvivenza  degli organismi invasori.

La febbre può essere provocata sia da disturbi poco gravi (la maggior parte delle volte), sia da malattie più impegnative (molto più raramente). Una precisazione importante: non c’è una specifica relazione tra valore della febbre e gravità della malattia; cioè una febbre molto alta non equivale necessariamente (per fortuna) a una malattia molto grave. Valori elevati di temperatura corporea, quindi, possono provocare un disagio intenso al bambino, ma avere una causa non preoccupante.
Detto questo, la febbre non è un nemico da combattere a ogni costo. Non è necessario, quindi, somministrare medicine tutte le volte che la temperatura supera i valori normali. Abbassare la febbre spesso non aiuta il bambino a guarire prima.
Per capire se la febbre è un forte disagio per il bambino, basta osservarlo: se mostra malessere, è irritabile o sofferente, è bene dargli un po’ di sollievo abbassandogli la temperatura.

a cura di Roberta Camisasca

 

 

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI