imiobabyTV

Gli altri speciali

L'utilità della consulenza genetica
video D.ssa Pierangela Castorina

Video-intervista alla
D.ssa Pierangela Castorina

Medico Genetista, Ospedale Maggiore Policlinico Mangiagalli, Milano


Buonarroti Medical Center
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
C'è una musica nel nostro cervello... »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Cellule staminali. Cosa sono?
Principali caratteristiche e classificazioni


A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

 

L’uso delle cellule staminali in campo medico è oggi un tema di cui si discute molto.
Conservazione cordone ombelicale, donazione, bio-banche sono argomenti che sentiamo frequentemente alla televisione o alla radio.
Dubbi, incertezze e perplessità però sono all’ordine del giorno. Vediamo allora di fare chiarezza e di rispondere finalmente alla domanda “cosa sono le cellule staminali?”
Le staminali sono cellule che hanno tre importanti caratteristiche:

  • sono indifferenziate. Non possiedono infatti un' identità funzionale definita
  • sono capaci di auto-rigenerarsi, ovvero proliferando generano altre cellule staminali
  • sono in grado di produrre, differenziandosi, tutte le cellule che costituiscono un adulto1.

In base alle diverse capacità differenziative si distinguono più tipi di cellule staminali:

  • staminali totipotenti: possono generare tutte le cellule che costituiscono un soggetto adulto comprese quelle dei tessuti extraembrionali, come ad esempio la placenta.
  • staminali pluripotenti: come le precedenti sono capaci di creare tutte le cellule di un individuo, ma non quelle dei tessuti extra embrionali.
  • staminali multipotenti: differenziandosi possono originare più tipi di cellule ma limitate ad una determinata funzione. Ad esempio, le cellule staminali ematopoietiche possono dare origine a tutte lel cellule del sangue ma non a quelle del fegato.

Virtualmente presenti in qualsiasi tessuto dell’individuo, le cellule staminali possono essere classificate anche in base alla loro sede di origine.
Di conseguenza esistono:

  • staminali embrionali: sono cellule pluripotenti presenti all'interno dell'embrione2.
    La loro raccolta comporta la manipolazione/distruzione dell’embrione di cui fanno parte e per questo sollevano grandi dibattiti di natura etica.
  • staminali del cordone ombelicale: sono cellule indifferenziate che si trovano nel sangue cordonale. La loro raccolta, effettuabile unicamente al momento della nascita, è completamente indolore e sicura sia per il neonato che per la madre.
  • staminali adulte: sono verosimilmente presenti in qualsiasi organo/tessuto di un individuo adulto.
    Le più importanti ai fini terapeutici sono ad oggi quelle ematopoietiche, che originano tutte le cellule del sangue e midollari, e quelle mesenchimali, in grado di differenziare in cellule di più tessuti, ad esempio osseo, cartilagineo e adiposo3.

In conclusione le staminali, essendo in grado di generare virtualmente qualsiasi organo o tessuto rappresentano una risorsa di estrema importanza in ambito clinico.

Per ulteriori informazioni: www.sorgente.com

 

Note bibliografiche

  1. Thomson, J.A., et al., Embryonic stem cell lines derived from human blastocysts. Science, 1998. 282(5391): p. 1145-7.
  2. Menendez, P., et al., Human embryonic stem cells: potential tool for achieving immunotolerance? Stem Cell Rev, 2005. 1(2): p. 151-8.
  3. Ikada, Y., Challenges in tissue engineering. J R Soc Interface, 2006. 3(10): p. 589-601.

 






     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI