imiobabyTV

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Prendersi cura di ciò che ci stà a cuore »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio
  1. Non eseguire il test di gravidanza, se non � strettamente necessario, prima di 6-7 giorni di ritardo mestruale.
    Perch� nel 5-10% dei casi il concepimento avviene in ritardo e, pertanto, anche l'esame delle urine si positivizza pi� tardi.

  2. Non fare l'ecografia, se non è strettamente necessario, prima della 7ª settimana.
    Perch� il bambino e il battito cardiaco non si visualizzano prima della 6� settimana, sempre che il concepimento sia avvenuto a met� ciclo.

  3. Non temere la visita ginecologica precoce.
    Perch�, contrariamente a quanto si crede, l'aborto non pu� essere causato da una visita ginecologica.

  4. Non comunicare la gravidanza ad altri prima della fine del 3º mese.
    Perché il rischio di aborto spontaneo è maggiore nel primo trimestre ed è meglio non creare attese e delusioni anche tra le altre persone, soprattutto i bambini.

  5. Non preoccuparti se la pancia non si vede prima del 5º mese.
    Perché l'utero, crescendo dal bacino in su, modifica il profilo dell'addome solo a quest'epoca.
  6. Non preoccuparti se non avverti i movimenti del bambino prima della fine del 5º mese.
    Perché, anche se il bambino si muove vivacemente già alla fine del 2º mese, la sua forza muscolare è minima e il liquido amniotico attenua i suoi calci.

  7. Non confrontare la tua pancia con le altre.
    Perché il volume dell'addome non dipende solo dal peso del bambino, ma dalla quantità di liquido amniotico, dalla quantità di adipe materno, dal tipo di abbigliamento usato e, soprattutto, dall'inarcamento della colonna vertebrale.

  8. Non ascoltare mai i consigli e le esperienze degli altri.
    Perché tutti, per una sorta di piacere incontrollabile, tendono ad esagerare e a raccontare cose raccapriccianti proprio alle donne in "dolce attesa". Alcune sono vere, ma per fortuna sono talmente rare che, per legge statistica, è poco probabile che capitino proprio a te se sono già accadute ad una persona che tu conosci!

  9. Non nascondere il peso iniziale o non cambiarlo dopo qualche mese.
    Perché è meglio che il tuo medico conosca il reale aumento di peso per valutarne i rischi.

  10. Non comunicare a parenti e amici la data probabile del parto.
    Perché, dato che nel 10% dei casi la nascita del bambino avviene dopo la data presunta, è meglio dire a parenti e amici che la data del parto è 10-15 gg più tardi, per non essere bersagliati di telefonate in un momento così delicato.

 

a cura del Dott. Rocco Gallicchio
Ginecologo, Milano

 

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI