imiobabyTV
Travaglio e parto

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Prendersi cura di ciò che ci stà a cuore »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio

Il diventare genitore può essere visto come un momento di crisi che comporta l'elaborazione di una serie di cambiamenti, di timori e, alle volte, anche di angosce collegate alle vicissitudini della realtà esterna e del proprio mondo interno affettivo, questa elaborazione costituisce quello che si può definire il "lavoro del diventare genitori".

Le fasi iniziali di questo processo evolutivo possono essere individuate nel momento in cui la gravidanza diventa un evento consapevole per la donna e per l'uomo: da questo momento il rapporto tra i due coniugi contiene in forma più stabile la presenza di un terzo elemento rappresentato dall'immagine del figlio. Iniziano così quei processi di attesa fondamentali per i successivi sviluppi dei rapporti parentali. Nella coppia, cioè, cominciano a strutturarsi quelle dinamiche di adattamento che permetteranno ai due partner di evolvere da una situazione diadica ad una fase di riadattamento a tre. Questa, che secondo alcuni autori è una vera e propria crisi d'identità, porta a un processo di riassestamento globale della personalità attraverso l'emergenza di fantasie di emozioni legate a fasi precedenti di sviluppo.

La maggior parte delle ricerche e degli studi su questa fase di sviluppo della coppia ha soprattutto privilegiato il problema della maternità, probabilmente anche per motivi di ordine medico, fisiologico e preventivo. Esiste infatti una vasta letteratura sul significato e gli effetti psicologici della gravidanza e della nascita sulla donna, ma pochi riferimenti ai loro effetti sull'uomo. Mentre nessuno dubita che la maternità rappresenti un momento cruciale nell'evoluzione psicologica della donna, il vissuto normale della paternità è stato curiosamente trascurato e costituisce ancora un "continente nero" da esplorare. Probabilmente la fondamentale diversità, biologicamente determinata, tra uomo e donna ha portato a considerare la funzione materna come "più biologica" rispetto a quella paterna, forse sentita come "più sociale".

Il padre ritorna figlio

L'interpretazione psicodinamica della paternità vede il padre nuovamente in una posizione triangolare, come era nel rapporto coi propri genitori, nella quale gli altri due poli, questa volta, sono occupati dalla moglie e dal bambino. La chiave di lettura di questo secondo triangolo è offerta dalle specifiche esperienze che il padre ha vissuto come figlio nel primo triangolo nel rapporto col proprio padre e la propria madre.

Facilmente allora la moglie viene vissuta come madre che dedica tutte le sue attenzioni al bambino privando il compagno dell'amore. Questo sentimento è tanto più evidente quanto più nel rapporto di coppia la donna gioca un ruolo materno nei confronti dell'uomo, soddisfacendo così i suoi bisogni di dipendenza. La capacità della donna di essere gravida, partorire, allattare suscita nell'uomo sentimenti di invidia e gelosia verso la generatività femminile sentita come onnipotente, soprattutto nella messa a confronto con la propria incapacità di procreare. L'uomo infatti non assiste nel suo corpo a tutta quella serie di cambiamenti di forma e biologici, tipici della gestazione; la distanza percettiva tra futuro padre e feto sottolinea come il bambino sia una cosa esclusiva della moglie che lui non potrà mai avere. Da tutto ciò possono nascere conflitti, mossi dalla rivalità, che prendono origine prima di tutto da identificazioni femminili dell'uomo.

Da una parte quindi il padre, attraverso l'arrivo del figlio, risperimenta la propria nascita e infanzia, "normali" regressioni che il futuro padre deve operare in vista di una reale "comprensione" del figlio e dei suoi bisogni. Dall'altra, in quanto il bambino lo separa dalla moglie-madre, si presta a essere vissuto o come padre, così come era nell'antico rapporto coi suoi genitori, oppure come fratello (sibling rivalry), col quale dover competitivamente condividere l'affetto materno; il bambino-intruso prenderà il suo posto di fronte alla moglie-madre, proiettando quindi su di lui i propri desideri edipici. Ad acuire questo senso di esclusione, molto spesso interviene quel ripiegamento emotivo su sé stessa che la donna opera in maniera narcisistica durante la gestazione e che priva l'uomo della libido oggettuale, precedentemente rivolta verso di lui. Tutto ciò può contribuire a creare nell'uomo un senso di insicurezza circa le sue "competenze" sessuali. E' di comune osservazione un'interruzione, o comunque una diminuzione, dell'attività sessuale durante il periodo della gravidanza che se nella donna è spesso motivata da un senso di appagamento per l'uomo, si lega soprattutto con il timore di "far del male al bambino" e tale preoccupazione si riacutizza con la percezione dei movimenti fetali del 4º mese di gestazione.

C'è comunque nella nascita di un figlio il coinvolgimento di tre generazioni: quella del nonno, del padre e ora del figlio. Se da un lato il padre teme di essere punito da suo padre per aver parzialmente realizzato dei desideri proibiti, dall'altro teme che il figlio nutra verso di lui i suoi desideri. Questa identificazione dell'uomo con il padre comporta comunque l'orgoglio per la propria virilità, finalmente egli può assumere quel ruolo tanto desiderato e ciò scatena in molti uomini un maggior senso di responsabilità verso la famiglia. L'uomo, in questo caso, veste i panni del protettore e del provvidente ai bisogni familiari, soprattutto di ordine materiale. Alcuni autori riscontrano molto spesso, a livello di realtà, un aumento degli impegni di lavoro se non addirittura un cambio nel tipo di lavoro (e ciò viene a volte interpretato come un acting, una fuga).

 

a cura di
Dr.ssa Marisa Farinet
Vice direttrice della rivista "Nascere"
Prof. Ferruccio Miraglia
Direttore della rivista "Nascere" e presidente della S.I.P.P.O.

 

     
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI