men´┐Ż top
la gravidanza la nascita donna e mamma il bambino da 0 a 12 mesi il bambino da 1 a 3 anni

Gli altri speciali

Benessere Termale In Gravidanza
video Dott.ssa F. Rosso

Video-intervista alla
D.ssa Francesca Rosso

Specialista in Ostetricia e Ginecologia
Buonarroti Medical Center
Milano


Terme Levico VetrioloGrand Hotel Bellavista
Calcola la data del parto Calcola la data del parto Le curve di crescita del neonato Le curve di crescita del neonato
Le curve di crescita prenatale Le curve di crescita prenatali L'agenda mamma e bambino L'agenda mamma e bambino
Calcola la lunghezza del feto Calcola la lunghezza del feto La grafia dei nove mesi La grafia dei nove mesi
Calcola il tuo aumento di peso Calcola il tuo aumento di peso Cosa dicono i suoi disegni Cosa dicono i suoi disegni

Inserisci un nome...

e scopri il suo significato »

Nascere

Rassegna scientifica

In questo numero:
Prendersi cura di ciò che ci stà a cuore »

archivio
premio www     DonnaClick
partecipa al sondaggio
  Il significato profondo dell'acqua
La relazione con l'acqua
Purificarsi con l'acqua
L'acqua durante la gravidanza
Parto in acqua? Si, ma con cautela
Considerazioni sull'acquaticità
In acqua sin da piccoli
Giocare in acqua
     
Parto in acqua? Si, ma con cautela

Il parto in acqua continua a essere ritenuto una delle migliori tecniche per evitare traumi nel nascituro e nella madre, ma porta con sé anche alcuni rischi ed è bene che le donne che lo scelgono ne siano informate.
Sulla rivista Pediatrics è stato recentemente pubblicato un editoriale che evidenzia proprio i vari problemi che possono verificarsi durante questo tipo di parto, ritenuto tra i più dolci.
Nel particolare, l’autore dell’editoriale pone l’attenzione sul fatto che il parto in acqua può comportare gravi problemi respiratori nel bambino, causati appunto dall’inalazione di acqua. Per supportare questa teoria sono stati presi in esame quattro casi, tutti avvenuti nell’arco di 18 mesi.
I neonati coinvolti hanno infatti inalato acqua durante il parto e successivamente non sono stati in grado di respirare.
Quando i bambini vengono al mondo con gravi carenze respiratorie che si prolungano per i 5-8 minuti successivi alla nascita, si deve ricorrere necessariamente e tempestivamente alla somministrazione di antibiotici ed ossigeno per permettere loro di svolgere i normali atti respiratori.
Questo certo non significa che il parto in acqua sia da considerarsi più rischioso di quello che normalmente si svolge all’interno delle sale parto, ma visto che le madri spesso lo scelgono perché meno doloroso dell’altro è bene che considerino tutti i pro e i contro che comporta: non sempre infatti è meno traumatico per il loro bambino.

 

 
2015© ILMIOBABY.COM SRL - TUTTI I DIRITTI D'AUTORE RISERVATI